Comune di Venezia

La scuola Principessa Maria Letizia rimanga dov’è

FullSizeRender-03

Il M5S ha presentato un’interpellanza all’assessore alle Politiche Educative al fine di chiarire quali siano le intenzioni dell’amministrazione sul futuro dell’edificio Storico che ospita, dietro pagamento di un canone di locazione, la Scuola Statale dell’infanzia Principessa Maria Letizia a Murano. Abbiamo letto tutti il documento del Sindaco nel quale si da grande importanza al ritorno…

Ve.La. alla deriva (parte 3ª): il Marchio dimenticato

Rosa Salva e Brugnaro CON SCRITTA

In questa terza puntata dedicata a Ve.La. S.p.A., società controllata dal Comune di Venezia, puntiamo i riflettori sulla questione del Marchio “Città di Venezia”, realizzato nel 2002-2003 su impulso dell’allora Sindaco Costa, grande amico del Sindaco Brugnaro. Erano i tempi delle “vacche grasse” e quindi non si è proprio badato a spese: inizialmente, fu prelevata…

Ve.La. alla deriva (parte 2ª): Codice degli Appalti, questo sconosciuto

Codice dei Contratti Pubblici

Come dicevamo nel precedente articolo, Ve.La. S.p.A., società controllata dal Comune di Venezia, è divenuta sempre più “grande”, passando dai 195 dipendenti del 2009 ai 270 circa attuali, a cui si aggiungono i lavoratori a tempo determinato per i picchi stagionali nelle biglietterie. Alle molte funzioni delegate, corrisponde del resto un importante volume di spesa…

Ve.La. alla deriva (parte 1ª): opacità nella rete di vendita

Gli interni del tram rosso della Translohr

Con quello di oggi, cominciamo un ciclo di articoli dedicati alle molteplici attività di Ve.La. S.p.A., società controllata dal Comune di Venezia, attraverso la capogruppo AVM S.p.A. Essa è passata dal gestire le sole biglietterie del Trasporto Pubblico Locale (bus e vaporetti) alla gestione della “promozione turistica e culturale della città di Venezia” che, vedremo,…

Luminarie, un Natale che dura da tre mesi e mezzo

Luminarie Natale 2016-2017

Pensando alla decisione del Sindaco di tener accese le luminarie natalizie per più di tre mesi, potrebbe venire alla mente quel personaggio di Zelig di nome “Oriano Ferrari” (attore: Marco Della Noce), ricordato per quel suo: «voleva fare lo “sborone”, e invece…». Anche a lui, del resto, piace fare le cose in grande. Avrà pensato…