Il Saccheggio del nostro territorio


–>

IL SACCHEGGIO DEL NOSTRO TERRITORIO E’ RICOMINCIATO E LO CHIAMANO SVILUPPO

Quando si decide un piano territoriale come quello provinciale in discussione attualmente –PTCP piano territoriale di coordinamento provinciale- , credo sia importante avere il quadro delle possibili evoluzioni del sistema nel suo complesso. Almeno partire dalla situazione già in progress ,per scegliere il futuro consci di come influiranno le nostre scelte di oggi sulla vita di domani. Ancora una volta si rischia di chiudere la stalla quando i buoi sono già fuggiti, cioè si approverà un bel PTCP dopo che saranno stati approvati nel frattempo tanti progetti devastanti. Dal mio punto di osservazione, come ambientalista e tecnico, c’è molto che sta bollendo in pentola e di cui si parla troppo poco.Non parliamo qui dello sviluppo edilizio in atto come ad es. agli Alberoni del Lido, a Mirano, Iesolo, S.Dona, né delle nuove zone industriali e abitative e commerciali che prevedibilmente sorgeranno come funghi ad ogni uscita del Passante e della Pedemontana e che satureranno e intaseranno ancora di più il territorio, ma di grandi progetti in fase iniziale o già in via di realizzazione, con ricaduta di ovvi impatti negativi sul nostro territorio.

Proviamo ad elencarli ( il simbolo * è per quelli che completati dovrebbero migliorare la qualità dell’aria locale) tenendo conto che l’elenco è per difetto, dato che ce ne sono sicuramente altre che non sono a mia conoscenza.

ZONA VENEZIA

  • MOSE autorizzato e avviati lavori , impatti aggiuntivi da villaggio per 500 lavoratori a Malamocco

  • Nuovo Palazzo del cinema al Lido, autorizzato.

  • Raddoppio cimitero S. Michele, autorizzato con uso fanghi di canali

  • People mover tra Tronchetto e piazzale Roma (una funivia ) . Iniziati lavori. Al Tronchetto sono in corso realizzazioni di nuovi megagarage.

  • Sublagunare aeroporto – arsenale, fase autorizzativa quasi conclusa

  • Attracco nuovo per petroliere fuori laguna ( bocciato un progetto di terminal, in presentazione un altro)

  • Nuova autorimessa in Marittima in fase finale di autorizzazione

  • Potenziamento del traffico navale da crociera e da navi cerealicole per il business del bioetanolo, con aggravio dell’inquinamento da grandi navi

  • Riconversione dell’Arsenale a officine per il Mose

  • Darsena Celli per 314 posti barca a s. Elena in via di autorizzazione finale

ZONA TERRAFERMA VENEZIANA

- Passante autostradale in fase realizzativa ( non diminuirà significativamente l’inquinamento perché resterà comunque satura anche la tangenziale )

  • Vallone Moranzani con impianti trattamento rifiuti,megadiscarica ,nuova viabilità e regimazione idraulica a Malcontenta, in corso fase autorizzativa

  • Trasferimento S.Marco Petroli da Malcontenta a dentro area petrolchimico

  • Autostrada del mare a Malcontenta con piattaforma logistica e attracco contemporaneo per 4 meganavi merci, in fase autorizzativa

  • Piattaforma logistica in area Montefibre

  • A Marghera autorizzato nuovo Cloro soda di Syndial e potenziamento produzione dicloroetano da 100000 a 170000 t/a, autorizzato potenziamento produzione CVM e PVC per Ineos

  • Nuova centrale turbogas Ineos da 400 MW in fase di presentazione progetto per autorizzazioni

  • Sapio centrale da 7,5 mw autorizzata

  • Raffineria Eni Agip centrale turbogas da 40 MW in fase autorizzativa e ristrutturazione idrocracking degli impianti

  • Grandi Molini centrale a biomasse da 27 MW in fase autorizzativa

  • Bunge altra centrale a biomasse da 27 (?) Mw in fase autorizzativa

  • Tram a Mestre e Marghera con nuovo ponte a s.Giuliano e sottopassaggio alla stazione (*)

  • Allargamento cantieri Fincantieri in aree verso Venezia

  • nuova Roveco a Malcontenta per trattamento rifiuti Autorizzata

  • Aeroporto in fase autorizzativa finale nuova darsena, albergo e centro congressi ( progetto Gehry), in fase di discussione terza pista dell’aeroporto

  • Ulteriore allargamento del Vega a Marghera

  • Centro Musica in zona ex Agrimont vicina al Vega

  • Isola delle Tresse raddoppiata come superficie e innalzata. In via di realizzazione

  • SFMR in via di realizzazione (*)

  • Terza corsia autostrada Venezia Trieste e nuovo casello di Meolo autorizzati

  • TAV Milano- Trieste via Venezia, autorizzata in fase di costruzione

  • Realizzazione del PIF, progetto integrato fusina, per depurazione acque di Marghera e dintorni con bacino di fitodepurazione in cassa colmata e poi scarico a mare. Gia autorizzato

  • Nuovo megacentro commerciale Blo a Marghera autorizzato

  • Riassetto via elettricità a Marghera e centro commerciale POS a lato via fratelli Bandiera

  • Nuovo stadio a Tessera ( approvato ma in stand by) e nuova area attrezzata per megaspettacoli sempre a Tessera

  • Riconversione urbanistica del vecchio ospedale di Mestre in fase progettuale

ZONA LIMITROFA AL VENEZIANO

  • richiesta di darsene un po’ ovunque già autorizzate o in fase finale : Iesolo (due in zona porto); Isola Verde a Chioggia ; Caorle ;Portegrandi,ecc si passerà in provincia di Venezia da 5000 a 10000 posti barca

  • centrale turbogas di Cona da 800 MW in fase finale di autorizzazione

  • centrale turbogas di Loreo da 800 MW autorizzata

  • a Portogruaro centrale da 7,5 MW autorizzata

  • riconversione a Carbone della centrale di Porto Tolle da 2000 MW in fase autorizzativa

  • rigasificatore di metano di fronte alle spiagge rodigine in fase di costruzione

  • nuova Romea commerciale,cioè l’ autostrada Venezia Ravenna Orte , in via autorizzativa avanzata

  • Pedemontana già autorizzata

  • nuova strada su idrovia Padova-venezia , in fase progettuale

  • a Portogruaro Eastgate park in fase progettuale

  • La citta’ della moda a Fiesso in via di progettazione

  • Veneto City a Dolo, megaarea commerciale,residenziale ,in fase progettuale

Tenuto conto che in tutta il Veneto il territorio sotto i 200 m di altezza supera ogni anno i limiti di polveri fini, PM10 ( sono ammessi 35 superamenti all’anno , vengono superati tra i 120 e 180 volte a seconda delle città ), i limiti degli IPA sono spesso superati ed è vicino il superamento di quelli del benzene ; dato che la comunità europea sta riducendo i limiti di questi inquinanti a valori più bassi e noi non stiamo dentro neppure a quelli esistenti, che impatto avrà sull’aria il saccheggio sopra descritto ? per 5 anni circa ci saranno cantieri e costruzioni di strutture, poi ci saranno gli impianti in funzione e le strade piene di traffico senza soluzione dei problemi attuali, anzi con ulteriori peggioramenti dato che quasi tutti i progetti implicano movimentazione di persone e merci su strada

E’ questo lo sviluppo che vogliamo ? della salute dei nostri polmoni nessuno tiene conto o forse qualcuno pensa solo a quanto renderanno le cure delle malattie polmonari.

Che alternative ci sono a questo concetto di sviluppo su cui pare concordino tutte le principali forze politiche ? che qualità della vita ci si prospetta o ci resta ? E’ ora di discutere e di iniziare ad applicare nella nostra realtà la decrescita teorizzata da Latouche e Pallante . Se siamo ancora in tempo….

F Rigosi

Medicina Democratica

Mestre,25-3-08

Be Sociable, Share!