Chi ha puntato gli occhi sul Lazzaretto Vecchio?

Il MoVimento 5 Stelle Venezia ha deciso di andare a fondo sugli affidamenti degli spazi pubblici alla Biennale.
Grazie alla nostra portavoce in Consiglio Comunale Elena La Rocca abbiamo depositato un’interpellanza sulle attività della Biennale, chiedendo trasparenza sui progetti di gestione del Lazzaretto Vecchio.

Questa bellissima isola che, purtroppo, ora versa in uno stato di manutenzione precaria appartiene al Demanio dello Stato e sarà, secondo la stampa locale, destinataria di 5 milioni di euro, autorizzati lo scorso 21 settembre dal Ministero per i beni e le attività Culturali per realizzare il Museo Nazionale della Laguna di Venezia. Gli spazi che vi si trovano sono già stati luogo di alcune attività de La Biennale, destinandoci la sezione “Virtual Reality” della 74° Mostra del Cinema.

 

Se il Lazzaretto dovesse ospitare un Museo per la Lagunaattualmente assente nel panorama culturale della Città, ne saremmo orgogliosi. Attualmente non conosciamo i progetti della Biennale nell’isola; abbiamo però sotto gli occhi l’esempio dell’Arsenale, luogo di pregio utilizzato dalla Fondazione in modo esclusivoNon vorremmo succedesse la stessa cosa al Lazzaretto Vecchio, con grave pregiudizio per lo sviluppo di altri promotori culturali (fra cui lo Stato stesso) e per la rifunzionalizzazione delle isole minori (pilastro di ogni politica di decentramento dei flussi turistici). 

Questo scenario sarebbe inaccettabile: è dunque per questo motivo che dobbiamo essere ancora più vigili in questa fase di erogazione del finanziamento statale.

Vogliamo controllare come vengono gestiti gli altri spazi assegnati alla Biennale (Giardini, Arsenale, Casinò, Palazzo del Cinema, Forte Marghera) e capire se la Biennale versa nelle casse del Comune alcunché per l’utilizzo di tali aree e se, a sua volta, la Biennale ottenga utili dalla loro gestione, se vengono regolarmente pagate le imposte locali (IMU, TASI, TARI, ecc.) e se per i lavori che vi vengono eseguiti si rispetti il Codice degli Appalti.
Be Sociable, Share!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*