Ex Gasometri, l’ennesima perdita di beni comuni

Ex GasometriL’area degli “ex gasometri” a Venezia, di fianco alla chiesa di San Francesco della Vigna, costituisce un altro tassello dello smantellamento progressivo della città di Venezia.
Certo palazzi e laguna sono a forte rischio ma, ancor di più, lo è la sua tenuta quale complesso socio-economico-culturale: dopo infatti la fuga di abitanti, di molti uffici pubblici (Camera di Commercio, Comune, Università) e di imprese private (assicurazioni Generali) fra poco potremmo assistere anche a una scomparsa di studenti e scuole.
Per accelerare questo processo, l’amministrazione Orsoni & Micelli (entrambi #veryveneziani) ha pensato bene di (s)vendere quest’importante area destinata ad attrezzature sportive a servizio, appunto, dei tre istituti superiori lì vicino e, potenzialmente, anche di molte altre scuole.
Il capogruppo M5S, Davide Scano, ha studiato allora le carte e presentato un’interpellanza urgente all’assessore all’Urbanistica, Massimiliano De Martin, ma a quasi 40 giorni di distanza non è neppure stata fissata la commissione consiliare per discuterne (Presidente Lavini batti un colpo se ci sei, grazie).
La vicenda è complessa ma abbiamo cercato di spiegarla in modo semplice con questo video:

Immagine anteprima YouTube

 

Gruppo consiliare MoVimento 5 Stelle
Comune di Venezia

Be Sociable, Share!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*