PM10: solo polvere al vento le promesse di Brugnaro

polveri-sottili-2È del 6 gennaio la notizia di stampa dove si legge che Venezia è al terzo posto, ex equo con Milano, nella triste classifica delle città più inquinate d’Italia.
Il M5S non ha mai, in passato, imputato all’attuale governance cittadina di essere artefice dei livelli di inquinamento raggiunti nel territorio comunale. Può oggi, tuttavia, sostenere che “la premiata ditta Brugnaro e Co.” abbia una bella fetta di responsabilità circa la pessima posizione raggiunta quest’anno tenendo conto che il Sindaco avrebbe potuto esercitare le sue prerogrative anche sull’intera area metropolitana. Proprio per questa sua doppia veste, ci saremmo aspettati un approccio proattivo o quantomeno attivo invece si è registrata una passività ed una immobilità assolutamente incompatibile con la persistenza della condizione di degrado della qualità dell’aria.

La gravità della situazione era già evidente nel 2015 ed il M5S aveva più volte chiesto interventi coraggiosi e concreti prima della fine dell’anno ma il Sindaco non aveva ritenuto di intervenire per invertire la tendenza dello stato di inquinamento dell’aria in continuo peggioramento.
Durante il 2015 e fino alla fine di febbraio del 2016 si registrarono ben 81 superamenti del livelli sui 35 massimi concessi dalla normativa: nell’arco del 2016 oggi siamo attivati a ben 73 sforamenti.

Il M5S, considerando un’emergenza sanitaria i livelli di Pm10 così al di sopra di quelli consentiti dalle norme europee, aveva a fine febbraio 2016, tramite una mozione a prima firma della consigliera Sara Visman, chiesto al Sindaco, in qualità di responsabile assieme al consiglio comunale della condizione di salute della popolazione del suo territorio, di adottare delle specifiche pratiche, alcune emergenziali (cosidette tampone) e altre a lungo termine che avrebbero contribuito ad abbassare tali pericolosi livelli.
Nelle premesse della mozione, avevemo riportato la nota del Dipartimento di Prevenzione dell’Ulss 12 del 04 febbraio 2016 nella quale si ribadiva che l’esposizione prolungata ad elevate concentrazioni di PM10 riduce le aspettative di vita per una media di 2 anni.
Avevamo anche ricordato che gli effetti delle esposizioni portano ad un aumento dei ricoveri ospedalieri per cause respiratorie e cardiovascolari e che i bambini, le donne in gravidanza, gli anziani, come anche chi già presenta problemi respiratori ( asmatici e cardiopatici ), sono i soggetti più a rischio.
polveri-sottili-3Le richieste erano sostanzialmente divise in due fasi. La prima riguardava l’ attivazione di
un piano emergenziale di intervento nel territorio comunale da estendere alla città metropolitana per attuare le cosiddette misure tampone; la seconda, invece, più incisiva, richiedeva la predisposizione di un piano strutturale per la diminuzione del Pm10 agendo anche sulla eventualità di dismettere le attività a combustione altamente inquinanti, valutando la trasformazione ad uso urbano della tangenziale di Mestre mediante un corridoio ecologico lungo il suo percorso e per finire, ma non meno fondamentale, facendo pressione presso l’Autorità Portuale, che tanto questo Sindaco sente amica, e presso il Governo centrale per la messa a punto del Cold Ironing.

«La mozione fu purtroppo bocciata - dichiara la consigliera Visman – per poi essere fotocopiata e fatta propria dalla maggioranza, modificandone le richieste più vincolanti.
Tuttavia, visto che votarono all’unanimità l’incentivo all’uso dei mezzi pubblici mediante biglietti a prezzo agevolato, il lavaggio delle strade, la possibilità di superare le attività a combustione altamente inquinanti, la valutazione del corridoio ecologico e ed il sollecito per il Cold Ironing, adesso, passato un anno da quella votazione, chiediamo conto all’amministrazione di quanto sia stato attuato. Il lavaggio delle strade quante volte è stato fatto?
E la relazione sulla possibilità di diminuzione degli inquinanti e di abbassamento delle emissioni delle attività ad alta combustione o sull’eventualità di predisporre il corridoio ecologico è stata scritta?
Abbiamo avuto riscontro del sollecito fatto all’ Autorità Portuale? La diminuzione dei biglietti dell’autobus è attiva?
Rispondi Sindaco! O e xe tùte promesse al vento?»

Gruppo Consiliare Movimento 5 Stelle
Comune di Venezia

Be Sociable, Share!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*