Riapertura scuole, termosifoni freddi per migliaia di bambini

La laguna di Venezia sta ghiacciando e i mezzi spargisale sono in azione per il possibile rischio neve di queste ore: l’incredibile ondata di freddo era stata annunciata da giorni ed è infatti arrivata.
Purtroppo però il Comune di Venezia non è riuscito, incredibilmente, a garantire un normale rientro scolastico, dopo le vacanze di Natale, ad alcune migliaia di alunni delle scuole di sua competenza (asili nido, scuole dell’infanzia e scuole primarie).

bimbifreddoSembra infatti che in almeno due edifici scolastici, la “F. Filzi” della Gazzera e la “L. Radice” di viale San Marco, vi siano stati grossi problemi col riscaldamento: nella prima, addirittura, il dirigente scolastico ha deciso di rimandare tutti i bambini a casa, con evidenti disagi a cascata per genitori, nonni, ecc. Tralasciando il danno recato agli insegnanti ed agli alunni per le ore in meno di lezione.
Nella seconda invece hanno trovato i termosifoni freddi (forse 12-13 C°) ma gli insegnanti hanno deciso di rimanere comunque in classe, nel pomeriggio un’insegnante ha verificato, con un termometro, che vi erano circa 15 C° sopra il termosifone. Moltissimi bambini, dopo otto ore di lezione, sono usciti tutti infreddoliti e con i brividi, un buon preludio a raffreddori e influenze vista la stagione.

Il capogruppo M5S, Davide Scano, è intervenuto a tal proposito affermando: «presenterò subito un’interrogazione all’assessore Francesca Zaccariotto per capire concretamente cos’è accaduto e cosa fanno i tecnici della Direzione Lavori Pubblici rispetto alla manutenzione delle caldaie delle scuole. E’ pazzesco infatti che gli impianti siano stati accesi, come sembra, solo nella mattinata di oggi a rientro già avvenuto di scolari e maestre, anziché almeno mezza giornata prima in modo tale da far scaldare, per tempo, gli edifici.
vestirsi-beneFaccio un appello a tutti gli insegnanti e ai genitori di bambini delle scuole comunali: scrivetemi quel che è successo da voi, in modo tale da fornire un elenco più esaustivo all’assessore.
Ricordo infine, specie agli elettori delle destre “in salsa fucsia” ora al governo, che il sottoscritto ha presentato molti emendamenti al bilancio 2017, tra i quali ve n’erano alcuni per rimpolpare proprio la spesa relativa alla manutenzione ordinaria degli edifici scolastici, per poco più di un milione di euro. Tutte le nostre proposte sono state però bocciate, senza neppure un briciolo di discussione.
Troppi “spingibottoni” (cit. Maurizio Crovato)?»

Gruppo consiliare Movimento 5 Stelle
Comune di Venezia

Be Sociable, Share!

  2 comments for “Riapertura scuole, termosifoni freddi per migliaia di bambini

  1. Adriana
    9 gennaio 2017 at 20:19

    Se ne sono accorti solo adesso che le alcune scuole erano al freddo, ma faccio notare che il gorno 2 gennaio e il giorno 7 il personale ATA: collaboratori e segreteria era in servizio e nei locali della scuola erano 4 gradi, e nessuno ci ha fatto tornare a casa. Assenza.te amm.vo I.C. Trentin di mestre

  2. Lisa
    9 gennaio 2017 at 22:01

    Al I.C. Gramsci di Campalto hanno mandato a casa tutti.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*