Proposte M5S per il bilancio 2017

numeri-numeriE’ tempo di bilancio per il Comune di Venezia e il M5S locale, come accade spesso, ha presentato alcune proposte di modifica a varie voci di spesa e di entrata per erogare maggiori e migliori servizi ai cittadini.
Complessivamente, nel triennio 2017-2019, i 15 emendamenti scritti dal consigliere Davide Scano muovono somme per ben 5.435.274,72 euro. In particolare:

  • si aumenta il budget previsto per la manutenzione ordinaria degli edifici scolastici del territorio comunale di € 1.120.900 nel triennio (lo stanziamento è infatti insufficiente per più di 60 immobili);
  • si propone di riavviare la gara per il Centro Interscambio Merci, per una migliore gestione del traffico acquo, usando i relativi canoni di concessione (1.200.000 euro nel triennio) per attivare un servizio sperimentale di “boat sharing”, favorendo così la riscoperta dell’ambiente lagunare da parte dei residenti;
  • si elimina l’aumento, previsto da luglio 2017, del 23% di bollette a carico delle piccole realtà sportive che utilizzano palestre e attrezzature sportive;
  • palazzetto-dello-sportviceversa si taglia il contributo pubblico sulle bollette delle sette piscine comunali (quasi 900 mila euro l’anno) le quali, secondo giurisprudenza, dovrebbero stare in piedi economicamente da sole (come accade, ad esempio, a Dolo, Mira, Martellago, Verona). Si propone di destinare tali risparmi (2 milioni di euro nel triennio) sempre al settore sportivo, per la realizzazione di un nuovo palazzetto dello sport con piastra polivalente (basket, pallavolo, calcio a 5) e tribuna per almeno 2.500 spettatori;
  • si aumenta lo stanziamento previsto per la manutenzione ed il recupero degli alloggi comunali ERP, per una somma pari ad euro 583.650 nel triennio, sottraendo pari risorse, sempre nell’ambito dei finanziamenti del PON-METRO, a varie voci relative a consulenze esterne;
  • si devolve infine lo stipendio del Sindaco, come da sua impegno elettorale, ai contributi per l’accoglienza dei senza fissa dimora.

 La maggior parte delle somme utilizzate negli emendamenti derivano da consulenze e incarichi esterni, assunzione di nuovo personale co.co.co. che però, nell’ottica di una maggior formazione interna del personale ed economicità, possono essere ben sostituite dall’attività lavorativa dei dipendenti comunali e delle partecipate.

(continua…)

 

Gruppo consiliare Movimento 5 Stelle
Comune di Venezia

Be Sociable, Share!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*