Tradizioni & Tradizioni

befanaSono salvi i pan e vin del Veneto, “le tradizioni non si toccano!” Così ha commentato il Sindaco Brugnaro all’incessante richiesta di provvedimenti per contrastare l’innalzamento ben oltre le soglie consentite, delle polveri sottili PM10 e PM2,5 registrate nell’ultimo mese. La presa di coscienza della cittadinanza quest’anno è stata innescata dalla lettera del Prefetto Cuttaia a metà dicembre rivolta a Brugnaro e Zaia per attivarsi nel rispetto della loro responsabilità di tutela della salute pubblica. Il Sindaco metropolitano ha così convocato i sindaci dei 44 comuni del veneziano, dall’ incontro i Comuni partecipanti, non sono usciti con scelte unitarie, ma applicando soluzioni personali a macchia di leopardo e dimostratesi inefficaci: riduzione delle temperature nei locali pubblici, privati e nelle aziende; annullamento della sospensiva per la circolazione delle ‘no kat’; divieto di bruciare ramaglie; divieto di fuochi a San Silvestro; biglietto a valenza giornaliera per i mezzi pubblici.

2Durante l’ultimo Consiglio di Venezia, l’Assessore all’ambiente De Martin, nel suo intervento a margine della nostra protesta per il diniego a discutere le due mozioni sulle possibili azioni urgenti anti smog, ha ribadito l’impossibilità di attuare interventi diversi dalla riduzione del traffico leggero e dalla riduzione delle temperature per il riscaldamento domestico ed industriale perché non è stato diramato un Allarme Sanitario, chi deve diramare questo allarme? Il Ministero? Non è sufficiente la lettera del Prefetto? L’Assessore ha inoltre riferito di aver già attivato nel corso dell’ultimo mese delle procedure (come l’abbassamento delle temperature dei riscaldamenti dei locali pubblici e privati), ma evidentemente si sta sbagliando strada.

Il silente Zaia, comparso solo oggi sulla stampa, gioca al negazionismo citando Zichichi, scarica le responsabilità degli interventi ad altri livelli istituzionali e nel frattempo sostiene e presenzia ai falò di biomasse lasciando la Regione priva di ogni strategia per piano energetico e piano aria mentre le pm10 saturano l’aria in Veneto. Il tutto mentre sindaco ed assessori di Venezia, timorosi di toccare soggetti forti, rinunciano ad ogni intervento serio nei confronti dei grandi emettitori di pm10 e co2 veneziani come centrali a carbone, aeroporto e grandi navi.

3

I cittadini ed anche noi chiediamo a gran voce degli interventi STRUTTURALI, che riducano in modo sostanziale l’emissione di inquinanti!!!

La solita raccapricciante storia: lo scarica barile.

Cari politici d’altri e nuovi tempi, non funziona più, ognuno deve fare il suo e tutti assieme trovare la strada per farlo! Noi le nostre proposte le abbiamo fatte e ne faremo di nuove assieme alle associazioni, ai comitati e a chiunque voglia aggregarsi, per ora possiamo solo sperare che la Befana faccia il pieno di carbone alla Palladio e lo distribuisca ai politici cattivi.

Buona Epifania.

GdL Ambiente Energia e Rifiuti

Be Sociable, Share!

  1 comment for “Tradizioni & Tradizioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*