Organizzazione dell’orario di lavoro e timbratura dei dipendenti comunali

Non è passato molto tempo dal giuramento del neo Sindaco Luigi Brugnaro e già cominciano a vedersi i primi passi della nuova amminFIDUCIA PER TUTTIistrazione. La nostra attenzione ovviamente si è rivolta a tutto: alla proposta di controllo dei flussi turistici in Piazza S.Marco, come ai nuovi finanziamenti per il Welfare. In particolare però ci si siamo concentrati sul progetto di abolizione dell’ obbligo di timbratura dei cartellini per i dipendenti comunali. L’attuale capogruppo del M5S, Davide Scano ha presentato un’interrogazione in proposito, evidenziando come il progetto del nuovo sindaco difetti soprattutto dal punto di vista della normativa che regola il rapporto di pubblico impiego, in particolare in materia di orario di servizio, (Legge 23 dicembre 1994 n. 724) . La norma stabilisce che l’articolazione dell’orario di lavoro è definita con le procedure, avendo presenti le finalità e gli obiettivi da realizzare e le prestazioni da assicurare secondo modalità maggiormente rispondenti all’esigenze dell’utenza. E’ ovvio pensare quindi, che i dipendenti dell’amministrazione non possono decidere autonomamente i tempi del loro lavoro, ma si devono adeguare alle necessità dei fruitori: i cittadini del Comune di Venezia! Nell’interrogazione inoltre si legge: Il rapporto fiduciario che si vuole instaurare con i dipendenti comunali, è condivisibile, ma i mezzi sono sbagliati. Inoltre liberare i dipendenti pubblici dall’obbligo della marcatura del cartellino, potrebbe apparire come una sorta di risarcimento per il mancato finanziamento del fondo integrativo per i dipendenti.
La fiducia sembra voglia essere il tratto distintivo di questa proposta della nuova amministrazione, ma tutti noi sappiamo che la fiducia da sola non può reggere l’impianto di una nuova e ineludibile riorganizzazione della macchina comunale.

electric-field-3d-motion-gesture-recognition-chip-microchip-12

Microchip sottocutaneo per controllare meglio i dipendenti, in alternativa al badge?

Luigi Brugnaro, in occasione della seduta d’insediamento del nuovo consiglio comunale ha dichiarato (minuto 1:10:43): “Mi voglio fidare, aboliamo l’odioso orologio marcatempo e rendiamo responsabili tutti i lavoratori. Ai dirigenti sarà richiesto uno sforzo aggiuntivo: vedere dove sono i dipendenti e cosa stanno facendo”. Ma i dirigenti, il cui numero dovrà essere ridotto, come auspichiamo, come faranno a controllare i movimenti di 3.300 dipendenti distribuiti in diverse sedi? L’amministrazione applicherà, per assurdo, ai suoi dipendenti un micro-chip al lobo dell’orecchio per facilitare la vita a chi ha il compito di controllare dove sono e cosa stanno facendo? Molto meglio, a nostro avviso, dare ai dirigenti esclusivamente il compito di sovrintendere con la massima attenzione e scrupolo all’esito del lavoro dei loro sottoposti, renderli finalmente e realmente responsabili dell’efficienza del personale che dirigono. 

Oltre a questo c’è dell’altro e non di secondaria importanza. Se viene data l’opportunità a qualcuno di fare il furbetto barando sull’orario di lavoro, chi garantirebbe che non dilaghi, ancor più di quanto già avviene oggi, il senso di frustrazione e scoramento che investe i dipendenti comunali corretti e responsabili condizionandone l’efficienza lavorativa? Inoltre, se la citata legge n.724 vale per tutti i dipendenti pubblici di Stato, Regioni, Provincie, Comunità Montane ecc. come può l’amministrazione comunale veneziana prendersi la briga autonomamente di non tener conto di una norma nazionale? Il sindaco pensa di poter decidere per la “Azienda Comune”, come può decidere un imprenditore privato per la propria impresa? Noi crediamo di no! Nello stesso “equivoco” pare sia incappato anche il sindaco di Roma, città nota per il pessimo funzionamento di servizi, per degrado e malaffare….. anche Ignazio Marino come Luigi Brugnaro, propone libertà di movimento per i lavoratori del comune della città capitolina. Pare che lo slogan: “Niente più cartellini si lavori per obiettivi”, venga da sir Richard Branson, fondatore di Virgin Group. Il magnate britannico però decide per se e per le sue aziende e a pagare il costo di eventuali sbagli non è una città ma lui direttamente! Chiediamo quindi all’amministrazione, nello specifico all’assessore competente al personale, di illustrare tempi e modalità della riforma dell’intera macchina comunale, attraverso l’accennata riduzione del 50% degli incarichi esistenti, l’assegnazione di essi secondo bandi di selezione basati sul merito.

photo_2015-07-17_17-49-18

Il Sindaco sottoscrive, al teatro Goldoni, alcuni punti del nostro programma

Ricordiamo che il sindaco ha sottoscritto, prima del ballottaggio, il punto programmatico del M5S inerente il dimezzamento degli incarichi esistenti, che, non finiremo mai di ripetere, sono troppi. Si tratta di ridurre il numero di: 72 dirigenti, 23 Alte Professionalità, 215 posizioni organizzative, 371 Unità Organizzative complesse. Vogliamo anche conoscere a quanto ammonterà il risparmio conseguente alla riorganizzazione e proponiamo che venga utilizzato per il rifinanziamento del fondo integrativo dipendenti.
I dipendenti dell’amministrazione comunale sono sicuramente contenti di essere ritenuti all’altezza della fiducia del sindaco, ma forse preferirebbero ricevere qualche gratificazione anche a livello economico. La riduzione della busta paga non incentiva sicuramente il senso di responsabilità.

Gruppo di Lavoro COMUNICAZIONE
MoVimento 5 Stelle – Comune di Venezia

  5 comments for “Organizzazione dell’orario di lavoro e timbratura dei dipendenti comunali

  1. 12 Gennaio 2021 at 18:14

    Thank you for sharing your thoughts. I truly appreciate
    your efforts and I am waiting for your further post
    thanks once again.

  2. 13 Gennaio 2021 at 10:23

    Hello colleagues, its impressive piece of writing about cultureand fully explained,
    keep it up all the time.

  3. 14 Gennaio 2021 at 11:02

    Terrific post but I was wanting to know if you could write a
    litte more on this subject? I’d be very thankful if you could elaborate a little
    bit more. Appreciate it!

  4. 14 Gennaio 2021 at 14:26

    Hi this is kind of of off topic but I was wanting to know if blogs use WYSIWYG editors or if you have to manually
    code with HTML. I’m starting a blog soon but have no coding expertise
    so I wanted to get advice from someone with experience.

    Any help would be greatly appreciated!

  5. 19 Gennaio 2021 at 00:03

    Hey there would you mind stating which blog platform you’re using?

    I’m going to start my own blog soon but I’m having a difficult
    time selecting between BlogEngine/Wordpress/B2evolution and Drupal.
    The reason I ask is because your design and style seems different then most
    blogs and I’m looking for something completely
    unique. P.S Apologies for getting off-topic but
    I had to ask!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *