Da Villa sull’ex Ospedale del Lido: “il Comune ha tirato il classico bidone alla Cassa Depositi e Prestiti”

Il bidone che l'amministrazione comunale ha tirato alla Cassa DD.PP. (felice di prenderselo!)

Il bidone che l’amministrazione comunale ha tirato alla Cassa Depositi e Prestiti (felice di prenderselo visti i rapporti d’amicizia tra Orsoni e Bassanini!)

Il Parlamento ha votato, il 29 gennaio, la conversione in legge del Decreto Legge “IMU-Bankitalia”, contestato pesantemente dai deputati M5S per l’enorme plusvalenza fatta guadagnare alle banche azioniste della Banca d’Italia (in particolare, il PD è da sempre sensibile a questo tema).
In tale decreto però sono presenti anche delle norme dedicate alla possibilità di vendere immobili pubblici alla Cassa Depositi e Prestiti da parte dello Stato e degli Enti locali.

Il Comune di Venezia, che in fatto di svendite del proprio patrimonio non prende lezioni da nessuno, ha colto la palla al balzo e ha contrattato per cedere la proprietà dell’ex Ospedale al Mare del Lido. Il deputato Marco DA VILLA ha ricordato allora in aula, durante la discussione degli ordini del giorno abbinati al testo di legge, la “oscura” vicenda e la sua interrogazione che attende ancora risposta:
[youtube]https://www.youtube.com/watch?v=s1wEwjppMqM[/youtube]

Va ricordato infine che la Corte dei Conti – Sezione di controllo Enti, coinvolta dallo stesso deputato, ha già fornito una prima risposta interessante. Nel frattempo, forse, qualcuno a Ca’ Farsetti inizia a preoccuparsi e a farneticare di possibili cambi d’uso per ottemperare, quando ormai la frittata è stata fatta, a quel che prevede la legge, già violata ancor prima di essere, formalmente, emanata!
Rimanete sintonizzati, vi terremo aggiornati sulla faccenda…

Gruppo Urbanistica e LL.PP.
MoVimento 5 Stelle Venezia

  1 comment for “Da Villa sull’ex Ospedale del Lido: “il Comune ha tirato il classico bidone alla Cassa Depositi e Prestiti”

  1. Nicola
    4 Febbraio 2014 at 13:07

    Ottimo articolo e ottimo intervento di Marco!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *