ORSONI SVENDE I GIOIELLI DEI VENEZIANI

Il 24 dicembre 2012, la vigilia di Natale, il Comune di Venezia ha definitivamente venduto la propria partecipazione in Save. Il prezzo finale è stato di 6,401 euro per azione, per un totale di 49,94 milioni (trovi l’aggiudicazione definitiva in calce all’articolo, scaricabile qui, con gli altri documenti di gara). L’acquirente è la società statunitense San Lazzaro, veicolo del fondo di investimento Amber Capital. Unico partecipante alla gara, se l’è aggiudicata offrendo un rialzo di 1,7 centesimi sulla base d’asta di 6,384 euro per azione. Il rialzo offerto, pari complessivamente € 130.000,00 è assolutamente marginale rispetto ai valori in gioco.

Nel frattempo, il 28 dicembre, è stato definitivamente sottoscritto dal Presidente del Consiglio dei Ministri il decreto che approva il nuovo contratto di programma tra Save ed Enac (Ente nazionale per l’aviazione civile) stipulato in data 26 ottobre 2012 (trovi in calce l’articolo pubblicato su Repubblica il 28 dicembre 2012). Questo nuovo accordo prevede, tra l’altro, la deroga alla normativa vigente in materia di regolazione tariffaria e 600 milioni di nuovi investimenti. Le quotazioni del titolo Save alla borsa di Milano si sono impennate, e oggi viaggiano sugli 8 euro per azione (controlla la quotazione a questo link).

Ciò significa che ai valori di borsa la partecipazione che il Comune aveva in Save vale almeno 62,4 milioni, ovvero 12,5 milioni in più di quanto incassato dal Comune. Insomma le cose sono andate ancora peggio di quanto avessimo previsto: l’acquirente Amber Capital ha già guadagnato 12,5 milioni, ovvero il 25% dell’investimento sostenuto. Buon affare davvero!

Ma come ha fatto il Comune a fissare il prezzo a base d’asta a 6,384 euro? Solo ad ottobre la Giunta Comunale (trovi in calce la deliberazione 483/2012) considerava un prezzo di 8 euro incongruo perché troppo basso: “il beneficio riconosciuto agli azionisti di minoranza, rappresentato dalla distribuzione del dividendo straordinario prelevato dalle riserve, viene quantificato applicando un rapporto di concambio tra SAVE e Marco Polo Holding che valorizza le azioni SAVE ad un prezzo di 8 euro per azione, inferiore al valore reale della società (non adeguatamente rappresentato dalle attuali quotazioni di borsa)”. Ricordiamo poi che il 26 ottobre era stato stipulato il nuovo vantaggioso accordo di programma tra Save e Enac.

Sul sito del Comune è stata pubblicata una relazione a firma Calipso S.p.A. (la trovi in calce, scaricabile qui, con gli altri documenti di gara) che conclude che “il prezzo minimo a base d’asta di cessione delle azioni Save S.p.A. può essere ritenuto congruo all’interno dell’intervallo 6,31-6,60. Il range indicato nasce dall’applicazione al prezzo medio di borsa dell’ultimo mese pari a € 7,17 di uno sconto dell’8%-12%”. Tale conclusione si basa esclusivamente sull’analisi storica degli sconti sui valori di borsa applicati in caso di recenti operazioni di cessione in blocco di partecipazioni. Non dice nulla sui fondamentali della società e sulle sue prospettive di reddito. Questa valutazione è quindi estremamente parziale. Come si può valutare il valore di una società che gestisce in regime di concessione un aeroporto senza considerare che è in corso di approvazione una nuova concessione più vantaggiosa? Perché non è stata considerata la possibilità che il nuovo contratto di programma venisse definitivamente approvato?

A questo punto la conclusione è una sola: l’assenza di strategia e la manifesta incapacità di gestione della nostra amministrazione hanno un costo: 12,5 milioni. Questi soldi non sono stati spesi per erogare servizi, o utilizzati per ridurre l’indebitamento, ma sono stati regalati a un fondo d’investimento americano. Con tanti auguri di felice anno nuovo.

.

Link:

 

Gara n. 60/2012: SAVE S.P.A. – Dismissione della partecipazione societaria detenuta dal Comune di Venezia

Repubblica, 28 dicembre 2012: Save, ok al contratto di programma Per lo scalo di Venezia 600 mln

Deliberazione 483/2012

Relazione di congruità redatta da Calipso S.p.A.

 

.

Autore: Elena La Rocca, attivista del Movimento 5 Stelle di Venezia

  9 comments for “ORSONI SVENDE I GIOIELLI DEI VENEZIANI

  1. roberto
    17 Gennaio 2013 at 21:54

    Orsoni è un allievo di Cacciari in quanto il primo era Assesore al Patrimonio e il secondo Sindaco per diversi mandati.
    Hanno cercato di vendere tutto quello che era pubblico,sia a Venezia,Isole e Terraferma Mestrina.
    Da penultimo l’area del Mercato di frutta di Via Torino,ma i soldi ricavati servono solo per sanare il bilancio per pagare Dirigenti,funzionari comunali al servizio della Casta politica presente e sempre uguale da oltre 20 anni!!!!!!

  2. Massimiliano
    21 Marzo 2013 at 10:55

    Soluzione al problema: si segnalano i fatti, così come narrati, in un esposto alla Procura presso la Corte dei Conti, San Polo 1, 30125 Venezia.
    Ciò fatto, la Procura indaga e se vi sono i presupposti, manda a processo per danno erariale il o i colpevoli i quali, se ritenuti tali, verranno condannati a estrarre dalle proprie tasche i milioni di euro (o come dico io miliardi di lire), che hanno fatto perdere alla Pubblica Amministrazione.

  3. 23 Dicembre 2020 at 13:24

    Hello, I wish for to subscribe for this webpage to take most up-to-date updates, thus where can i do it please help.|

  4. 24 Dicembre 2020 at 13:57

    Hello there, just was alert to your weblog thru Google, and located that it’s truly informative. I am gonna be careful for brussels. I will be grateful when you continue this in future. Lots of folks might be benefited out of your writing. Cheers!|

  5. 25 Dicembre 2020 at 06:43

    Wow, fantastic blog structure! How long have you ever been blogging for? you make blogging glance easy. The whole glance of your site is excellent, as smartly as the content material!

  6. 25 Dicembre 2020 at 21:21

    Great post. I was checking constantly this blog and I am impressed! Very useful information particularly the last part 🙂 I care for such information a lot. I was seeking this certain info for a long time. Thank you and best of luck.|

  7. 26 Dicembre 2020 at 11:06

    I used to be recommended this blog by my cousin. I’m now not certain whether this submit is written by way of him as no one else recognise such distinct about my trouble. You are wonderful! Thank you!|

  8. 10 Febbraio 2021 at 17:56

    tinder date , tinder sign up
    [url=”http://tinderdatingsiteus.com/?”]tinder dating app [/url]

  9. 19 Febbraio 2021 at 06:43

    I read this piece of writing fully on the topic of the
    comparison of hottest and earlier technologies, it’s
    awesome article.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *