Notti contro le mafie a Venezia

Nominare la mafia, parlarne, volerla vedere dove si nasconde e si confonde.

Travestita da attività imprenditoriale che si vanta di offrire opportunità di lavoro o trasformata in vera forza politica che agisce in prima persona sul territorio, sullo scenario quotidiano.

Devastando l’ambiente in cui riversa tutta la potenzialità distruttiva dei capitali illeciti pronti così a rifarsi una faccia, sconvolgendo le regole, il diritto, la convivenza sociale.

Guardarla in faccia, è quello che donne e uomini, giovani e meno giovani, hanno fatto venerdì sera in campo dei Tolentini nell’edizione di Venezia di Notti contro le mafie.

Semplici cittadini si sono attivati per fare la loro parte come ricorrentemente viene loro richiesto dai rappresentanti dello stato fino alle sue più alte cariche.

Le lettura sulle mafie, grande idea di civiltà lanciata dai giovani del popolo viola, è stata realizzata a Venezia dal gruppo locale del Movimento delle Agende rosse, il movimento nazionale creato da Salvatore Borsellino che si richiama all’agenda rossa di suo fratello, il grande magistrato Paolo, trafugata dalla macchina ancora fumante dopo l’esplosione che il 19 luglio 1992 martoriò i corpi del giudice e della sua scorta. Quell’agenda rossa, cassaforte dei misteri su cui si fonda la nostra seconda repubblica che le sentenze e le indagini dei giudici di Palermo, Caltanissetta. Firenze, Milano cominciano a svelare.

In una serata in cui coraggiosamente, si affrontavano temi di grande significato civile, era assente una rappresentanza ufficiale delle istituzioni locali, che ancora una volta hanno lasciato i cittadini da soli a combattere le battaglie più scomode.  A titolo personale, a dimostrazione del loro attaccamento ai valori di base della comunità, e perciò senza simboli di partito, i consiglieri comunali e municipali Camilla Seibezzi, Marco Gavagnin, Sebastiano Bonzio, Erminio Viero, Enrica Berti, Lorenzo B., Marco Caberlotto.

Nella suggestiva cornice dei Tolentini, resa ancora più evocativa da un magnifico gioco di luci a comporre sulle colonne della chiesa il tricolore dell’Italia, cittadini auto-convocatisi hanno letto passi dei libro La malapianta di Nicola Gratteri e di Santa mafia di Petra Reski

Entrambi trattano di ‘ndrangheta, la mafia rivelatasi la più potente organizzazione dell’antistato criminale per potenza economica (movimenta 40 miliardi all’anno) e per espansione territoriale in Italia e nel mondo.

Si è letto di come, di fronte ad un pericolo di tali dimensioni, la gente comune sia tenuta all’oscuro, sindaci e prefetti continuano a negarne l’esistenza, a rifiutare di vedere che ormai dappertutto in Italia, dove ci sono grandi capitali, è lecito sospettare che si nasconda denaro criminale.

E si è letto di come invece, quanto più di questo si parla in termini precisi, tanto più si è esposti a delegittimazione.

Si è voluto diffondere e denunziare, che il potere di questa criminalità è oggi, tutto nel fatto che si continua a vederlo come un fenomeno di arretratezza culturale, come una piaga del meridione a cui la gente del sud, per mentalità, si arrende, come una infestazione che ha contagiato ambienti sani per la difesa dei quali, la soluzione è semplicemente l’abbandono del sud al proprio destino costituzionalizzando la mafia o realizzando la secessione.

Finché non si cambierà il linguaggio e si dirà che l’imprenditoria del nord Italia e dell’Europa sta coscientemente aprendo le porte e stendendo tappeti rossi a questi capitali illeciti, alle opportunità di guadagno facile che tali capitali consentono, finché si continueranno a sentire come bestemmie le denunce di Roberto Saviano sulle contiguità tra mafie e governi locali del nord, non si potrà sfuggire alla responsabilità ed anche alla complicità di consentire il radicamento definitivo di tale fenomeno.

A stemperare la tensione della denuncia, sottolineandoli i passi più significativi delle letture, i suoni intensi e struggenti del clarinetto basso di Alberto Collodel, della tromba di Ilich Fenzi, del trombone di Umberto de Nigris e del contrabbasso di Andrea Carlon del laboratorio Novamusica di Venezia diretti da Giovanni Mancuso.

Ancora una volta presenti a condividere idee e obiettivi, ancora una volta disponibili a rispondere, con la loro sensibilità di artisti partecipi e consapevoli, ai richiami dei valori comuni.

Tra un mese si replica.

Gianluigi P.

  10 comments for “Notti contro le mafie a Venezia

  1. 11 Gennaio 2021 at 05:32

    OLE98 slotxoยอดนิยม รวมทั้งมีนักพนันมากไม่น้อยเลยทีเดียวเชื่อใจที่จะเข้ามาใช้บริการมากมายก่ายกอง ทำให้คุณได้เข้ามาใช้บริการจะได้รับความปลอดภัยในทุกการใช้งานอย่างมากมาย หากคุณกำลังมองหา สล็อต แตกง่าย 2020 เว็บไซต์อีกหนึ่งช่องทางที่ตอบปัญหานักการพนันทุกคนไม่ว่าจะเป็นนักพนันที่เล่นพนันมานานแล้ว
    หรือมือใหม่ก็ตาม

    Also visit my web site :: สล็อตออนไลน์

  2. 12 Gennaio 2021 at 21:29

    I love it when people come together and share ideas. Great blog, keep it up!

  3. 30 Gennaio 2021 at 06:36

    สำหรับในการเล่น สล็อต 2020
    แม้ว่าจะเป็นเกมที่เล่นได้ง่าย แต่ก็ยังสามารถที่จะสามารถช่วยสำหรับการสร้างราไยได้ให้กับคุณได้อย่างรวดเร็วมหาศาล
    เนื่องจากว่ามีระบบแล้วก็กรรมวิธีเล่น กฏกติการที่รู้เรื่องได้ง่าย ทำให้ท่านเดดิมพันเพียงแต่หลักร้อยก็บางทีก็อาจจะได้รางวัลกลับมาในหลักแสน ด้วยเหตุว่าสล็อตของทาง OLE98 ลือชื่อในเรื่องแจ็กเพียงพอตแตกเป็นอย่างมาก แตกง่าย
    มีอีกทั้งโบนัส และเครดิตฟรีให้กับคุณเพียงแต่เข้ามาเป็นสมาชิกเป็นครั้งแรก

  4. 7 Febbraio 2021 at 23:15

    Heya i’m for the primary time here. I came across this board and I in finding It really useful & it helped me out a lot. I am hoping to offer one thing again and aid others such as you aided me.

  5. 17 Febbraio 2021 at 05:53

    Excellent weblog here! Additionally your site quite a bit up fast!
    What host are you the use of? Can I am getting your affiliate link in your host?
    I wish my site loaded up as fast as yours lol

  6. 25 Febbraio 2021 at 21:32

    Terrific article! This is the kind of info that
    are supposed to be shared around the web. Disgrace on Google for not positioning this publish upper!
    Come on over and consult with my web site . Thank you =)

  7. 25 Febbraio 2021 at 21:37

    It’s going to be ending of mine day, except before ending I am reading this impressive paragraph to improve my experience.

  8. 27 Febbraio 2021 at 16:08

    I am really grateful tto the owner of this website who hhas shared this faantastic piece of writing at
    at this time.
    web site

  9. 3 Marzo 2021 at 19:59

    Do you mind if I quote a couple of your articles as long as I provide credit and sources back to your blog?
    My blog site is in the exact same area of interest as yours
    and my users would genuinely benefit from some of the information you present here.
    Please let me know if this ok with you. Thanks a lot!

  10. 6 Marzo 2021 at 02:15

    I visit each day some websites and blogs to read posts, except this blog presents feature based
    articles.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *