Il Presidente Napolitano promulga

L’articolo 73 della Costituzione dispone che “Le leggi sono promulgate dal Presidente della Repubblica entro un mese dall’approvazione.” A seguire, l’articolo 74 specifica che “Il Presidente della Repubblica, prima di promulgare la legge, può con messaggio motivato alle Camere chiedere una nuova deliberazione.”

Dunque, la Costituzione non fa riferimento ad un giudizio preventivo di “incostituzionalità”, ma rimette al Presidente della Repubblica la discrezione per decidere se e quando chiedere alle Camere – con messaggio motivato – una nuova deliberazione.

A luglio 2008 il Presidente Giorgio Napolitano aveva promulgato il cosiddetto “lodo Alfano”, che poi è stato ritenuto incostituzionale dalla Corte Costituzionale che in sostanza ha smentito la promulgazione effettuata dal Presidente della Repubblica.

Solo pochi giorni fa, invece, lo stesso Presidente Napolitano aveva chiesto alle Camere una nuova deliberazione in merito ad un disegno di legge col quale il Governo intendeva mettere mano alla normativa che disciplina i contratti di lavoro. La motivazione della richiesta alle Camere di nuova deliberazione non faceva riferimento a “palese incostituzionalità” di quel disegno di legge, ma ad “estrema eterogeneità, complessità e problematiche di alcune disposizioni”. Con tale atto, il Presidente della Repubblica ha esercitato una delle sue facoltà costituzionalmente previste.

Da tutto quanto sopra si deve dedurre che il Presidente Napolitano non avrebbe commesso alcun abuso se avesse chiesto alle Camere una nuova deliberazione in merito al “legittimo impedimento”. Ma, per ragioni che ancora non si conoscono, non ha ritenuto di farlo.

Così ora Berlusconi ed i suoi ministri possono legittimamente evitare i processi penali che li riguardano. Infatti esisterebbe (salvo cassazione da parte della Corte Costituzionale) un interesse superiore dei cittadini amministrati ad avere l’amministratore che si sono in qualche modo scelti libero dagli impegni derivanti dal doversi difendere in un processo penale. In altre parole, Berlusconi deve poter continuare ad amministrarci libero dalle preoccupazioni derivanti da un processo penale anche se rinviato a giudizio per gravi reati.

Questa norma quindi ribalta completamente quella antica e nobile usanza in base alla quale l’amministratore pubblico che veniva rinviato a giudizio si dimetteva per togliere la collettività dall’imbarazzo derivante dall’essere amministrata da una persona accusata (e non necessariamente colpevole) di un reato – e non stiamo parlando di reati d’opinione. Osserviamo che questa nuova norma si inserisce bene nel contesto di un Paese in cui pochissimi hanno la coerenza necessaria per dimettersi quando le circostanze lo richiederebbero.

Il “legittimo impedimento” arriva quindi ad istituzionalizzare la pretesa di Berlusconi di poter decidere da solo quando un magistrato fa bene il suo lavoro (per esempio avrà fatto bene quel magistrato che ha sospeso il risarcimento di 700 milioni di euro da parte di Mondadori a De Benedetti), e quando invece un magistrato è una toga rossa che vuole solo perseguire ingiustamente chi è stato eletto dal popolo (ad esempio il magistrato che indaga circa le pressioni fatte da Berlusconi nei confronti dell’Autorità garante delle Comunicazioni).

Ma davvero Berlusconi ed i suoi ministri non avrebbero il tempo e le risorse per continuare a svolgere (bene o male, lo giudicate da voi) le loro funzioni istituzionali di governo ed al tempo stesso difendersi in un processo penale? Recentemente il ministro per la Pubblica Amministrazione e l’Innovazione, Renato Brunetta, ha cercato di convincere i residenti del Comune di Venezia che nonostante i suoi incarichi di governo lui avrebbe avuto il tempo e le risorse per occuparsi egregiamente anche dell’amministrazione del Comune di Venezia. Osserviamo anche che il sindaco del Comune di Orbetello, Altero Matteoli, trova anche il tempo per dedicarsi ai compiti richiestigli dalla sua altra attività, quella di Ministro dei Trasporti della Repubblica Italiana, e non abbiamo motivo di credere che lui ritenga di non svolgere bene tali compiti di Governo.

Dunque, evidentemente secondo i ministri Brunetta e Matteoli, occuparsi dell’amministrazione di un Comune (anche di un Comune complesso e grande quanto lo è il Comune di Venezia) richiede meno tempo e risorse di quante ne richiedano un processo penale. Noi ne prendiamo atto, ma non lo crediamo. Noi crediamo che questo “legittimo impedimento” sia un altro indecente escamotage per permettere a Berlusconi di non saldare i suoi conti con la Giustizia. Ma ieri il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ha promulgato tale norma.

In sostanza tale atto contrasta il dettato della Costituzione che vuole tutti i cittadini uguali davanti alla legge e contrasta la sentenza della corte Costituzionale che  a proposito del lodo Alfano aveva già dichiarato “irragionevole e sproporzionata” la “presunzione legale assoluta di legittimo impedimento” dovuta esclusivamente alla carica ricoperta.

Per di più, proprio dal Capo supremo della Magistratura, si dà via libera ad un provvedimento che umilia i magistrati esponendoli all’irrisione ed all’offesa della sconfinata insindacabilità delle motivazioni addotte come impedimento a presenziare alle udienze.

In un periodo di grave crisi delle istituzioni, la parte sana della nazione non aveva certo bisogno di questo ulteriore sconcertante messaggio di abdicazione, di impotenza, di assuefazione alla destabilizzazione della legalità.

  9 comments for “Il Presidente Napolitano promulga

  1. 10 Agosto 2020 at 21:14

    It’s great that you are getting ideas from this post as well as from our discussion made at this
    time.

  2. 13 Agosto 2020 at 21:36

    I just could not depart your web site prior to suggesting that I really
    enjoyed the standard information an individual supply for your guests?
    Is going to be back often in order to check out new posts

  3. 24 Agosto 2020 at 05:09

    This excellent website truly has all the info I wanted about this subject and didn’t know who to
    ask.

  4. 24 Agosto 2020 at 10:04

    I’m really loving the theme/design of your blog. Do you ever run into
    any internet browser compatibility problems? A handful of my blog readers
    have complained about my site not operating
    correctly in Explorer but looks great in Safari.
    Do you have any solutions to help fix this issue?

  5. 25 Agosto 2020 at 06:57

    It’s going to be ending of mine day, except before finish I am reading this enormous post to
    increase my experience. 2CSYEon cheap flights

  6. 26 Agosto 2020 at 18:52

    Very good article! We will be linking to this particularly great post on our
    website. Keep up the great writing.

  7. 27 Agosto 2020 at 12:29

    If some one needs to be updated with latest technologies after that he must be go to see this web
    site and be up to date every day.

  8. 31 Agosto 2020 at 15:54

    Wow that was unusual. I just wrote an incredibly long comment
    but after I clicked submit my comment didn’t
    show up. Grrrr… well I’m not writing all that over again. Anyway, just wanted to say fantastic blog!

  9. 17 Settembre 2020 at 15:53

    It’s going to be end of mine day, but before finish I am reading this fantastic piece
    of writing to improve my knowledge.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *