Venezia prima Crepa poi CADE a PEZZI

L’Osservatorio Trasformazioni Territoriali e Sociali dell’Associazione AMBIENTEVENEZIA, continua il suo monitoraggio  dei danni causato a Venezia e la sua Laguna da un uso dissennato e criminale del territorio.

Cantieri del MoSE che invece di difendere la città dalle acque modificano irreparabilmente le correnti e fanno aumentare enormemente i volumi d’acqua che entrano in laguna; grandi navi che spostano enormi volumi d’acqua sotto rive e palazzi; un moto ondoso continuo e selvaggio ………
Tutte le risorse economiche destinate alla Salvaguardia della Città dirottate per la costruzione di un’opera inutile e dannosa…  altri
800 milioni di euro caldi caldi  andranno alla lobbyes d’imprese del Consorzio Venezia Nuova…… e intanto la città CADE A PEZZI sotto gli occhi di tutti!!!!!
Le foto allegate sono state fatte alle ore 12 di lunedì 8 dicembre in riva dei Sette Martiri nel tratto che va dal Museo Navale al pontile dei giardini della Biennale……. e dimostrano che i danni documentati da oltre un anno dalla mostra Multimediale Venezia Crepa stanno aumentando e peggiorando sempre di più con una velocità paurosa!
Di chi la colpa di questi danni?  Chi pagherà i lavori di ripristino?  Perchè gli enti preposti alla tutela e difesa della città restano immobili ed inadempienti?
Comune, Soprintendenza, Magistrato alle Acque, Regione, Ministeri cosa state facendo? Dove siete?

Luciano Mazzolin per l’Associazione AmbienteVenezia

  4 comments for “Venezia prima Crepa poi CADE a PEZZI

  1. alberto
    11 Dicembre 2008 at 00:08

    Eh no cari miei!! Neanche Ceausescu è rimasto al potere in Romania tanto quanto la sinistra a Venezia (1974-oggi, per Ceausescu vedi pure su wikipedia)e adesso, SOLO ADESSO, VI ACCORGETE CHE VENEZIA VA A PEZZI???Ma dove eravate quando questa città perdeva grazie all’incapacità dei suoi politici, da 35 (trentacinque!!!!!)anni regolarmente confermati, metà degli abitanti, la pressochè totalita delle sue attività artigianali e produttive (che non siano lo smercio di cagate ai turisti),e mandava a remengo il suo patrimonio abitativo pubblico?Ma sapete o no da quanti anni la legge speciale per Venezia stanziava quattrini per la città?Lo sapete o no che era una mezza finanziaria?Chi come e in che modo sono stati gestiti questi soldi?E adesso rompete l’anima col mose?Potevate imporre che venisse costruito congiuntamente a una stazione idroelettrica che sfruttasse le maree…. l’avete fatto?No! E dove sono i manifestanti contro il tram di Mestre, che si poteva realizzare con un sistema di semplici bus come è stato fatto a Bogotà (dico Bogotà, mica New York) spendendo si e no un quinto di quello che ci ha fatti spendere l’ex cocco di Ughetta Bergamo, anzichè sbancare mezza Mestre?Ma per favore………….se volete fare una bella cosa, cementatevi i piedi e affondatevi alle bocche di porto come dighe, almeno sarete serviti a qualcosa nella vostra vita, anzichè occupare spazi pagati e riscaldati dalla collettività alle zattere (che come noto, fa molto chic!!)

  2. 2 Settembre 2020 at 16:43

    The issue here is that each pay for could force the.

  3. 18 Ottobre 2020 at 08:58

    In the great design of things you’ll secure a B- with regard to hard work. Exactly where you lost me personally was first in your facts. As as the maxim goes, the devil is in the details… And it couldn’t be more correct here. Having said that, let me say to you what exactly did work. The article (parts of it) is certainly rather engaging and this is probably why I am making the effort to comment. I do not really make it a regular habit of doing that. Secondly, while I can notice a jumps in reason you make, I am not really convinced of how you seem to connect your points which help to make the actual final result. For now I will, no doubt subscribe to your issue but hope in the future you link the facts better.

  4. 18 Ottobre 2020 at 22:09

    It’s actually a nice and helpful piece of information. I am glad that you shared this useful info with us. Please keep us informed like this. Thanks for sharing.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *